Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Rivista bimestrale -Anno III- Sett./ott. 2007, n.11
NOTIZIE ed EVENTI  

ARTE e SOCIETA'

Vietato NON toccare!
Il Museo della Preistoria della Tuscia e della Rocca Farnese

di Sila Berruti



Particolare del Manifesto della mostra "Vietato non toccare"


Un viaggio nella storia umana attraverso l'olfatto e il tatto: troviamo splendida l'iniziativa del Comune di Valentano, che propone a tutti un viaggio speciale ed insolito e un modo completamente nuovo di conoscere ed amare l'arte, anche per chi non è in grado di vederla.
Dal 17 agosto scorso, nel Museo della Preistoria della Tuscia a Valentano (Vt), i visitatori, con l'ausilio di una guida devono tentare di riconoscere al buio i reperti, i calchi, i ritrovamenti archeologici senza l'ausilio della vista, bensì toccandoli e odorandoli!
Questa singolare iniziativa nasce presso l' Università di Siena, anni fa, per andare incontro alle persone non vedenti che desideravano anche loro, come è giusto, fruire della sensazione della bellezza dell'arte.
La possibilità di toccare reperti originali è stata poi estesa a tutti i visitatori, anche nelle città di Modena, Pescara, Verona e Ferrara ed ora a Valentano, per la prima volta nella regione Lazio.
Il percorso, guidato da personale qualificato, inizia dal Paleolitico all'età del Bronzo, passa per l'alto Medioevo, per arrivare all'epoca dei Farnese.
Il Museo si trova nella parte piu' alta della bella cittadina di Valentano, ospitato nella monumentale Rocca Farnese, nel cuore del centro storico.
''La mostra,” afferma il direttore del Museo della Preistoria, Fabio Rossi – “associa all'idea di fare cultura quella di fare educazione sull'uso dei sensi. I visitatori sono indotti ad accrescere la percezione di se' e dello spazio. Materie e oggetti sono infatti lasciati a disposizione delle mani per suscitare una visione senza occhi ''.
Ci domandiamo come mai questa iniziativa, lungimirante e didatticamente utilissima, non sia stata presa in seria considerazione come merita, dal momento che mancano ancora tante città all'appello: si tratta infatti di un'esperienza inusuale e molto istruttiva, soprattutto per chi crede di vedere! Stimolare gli altri sensi, soffermarsi sulla tattilità degli oggetti creati dall'uomo, spinge ognuno ad approfondire le proprie conoscenze ed a chiedersi il perchè delle cose. Per i non vedenti, poi, una scoperta ed un piacere rari: ma l'arte non è forse di tutti?

museo.valentano@libero.it
 
Valentano (Vt): Museo della Preistoria della Tuscia nella Rocca Farnese




mani che "toccano" la bellezza.....

 
E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright