Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Rivista bimestrale - Anno VI - n.24 - Aprile-giugno 2010
NOTIZIE ed EVENTI


intervista ad Usama Saad
di Ilaria D'Ambrosi


Usama Saad , maestro incisore


Si potrebbe dire che la ricerca dell'artista egiziano corre a ritroso, questo perché oggi Usama è tra i pochi a rimanere fedele all'antica “ricetta” dell'elaborazione di un'acqua forte. Usama sicuramente non usa l'acido nitrico per decorare else o lance (motivazione per cui nel Medio Evo nacque l'incisione), ma per confezionare raffinate opere che, nei temi, spaziano dai particolari architettonici ai soggetti femminili fino alle riflessioni più personali, a volte collegate a qualche reminiscenza surrealista.
Usama espone le sue opere al ristorante Riva Destra, nel centro storico di  Roma, e qui lo abbiamo incontrato per raccogliere questa intervista.

Ilaria D'ambrosi: Quella del concentrarsi sull’incisione è una scelta molto particolare per il giorno d’oggi; ci racconti come e dove nasce Saad Usama artista.

Usama Saad: Nascere a pochi passi dalle piramidi, toccare con mano la testimonianza degli antichi egizi, riempire i miei occhi con il mistero che essi hanno lasciato e soprattutto perdersi nell’infinito del deserto, ha rappresentato per la mia sensibilità artistica, una grande opportunità. A Il Cairo ho iniziato come illustratore presso un’importante rivista settimanale; le prime mostre sono state presso “L'Università de Il Cairo”, “L'Università Americana de Il Cairo” e altre collettive nelle varie gallerie private del posto. E’ solo da pochi anni che a Roma ho cominciato ad appassionarmi alla tecnica dell’incisione, avendo l’onore di essere l’allievo del Maestro Ernesto Nino Palleschi, un’autorità nel campo. E’ stato determinante il mio incontro con lui, in quanto mi ha sempre spronato a continuare su questa strada. Ha sempre creduto in me fin dall’inizio.
 



Polvere di tempo


D. A questo punto è d'obbligo chiederle se ha un maestro o una guida cui riferirsi per la sua ricerca?

R. Gustav Klimt è conosciuto per le sue opere pittoriche (Il Bacio), mentre, a differenza, le sue opere incisorie sono poco note, ma da me molto apprezzate. E’ un artista che stimo molto.

D. Sappiamo che i primi a sviluppare l’incisione in campo artistico furono noti artisti tra il XV e il XVI, mi riferisco a nomi come Dürer o a Parmigianino, per fare un nome italiano. Spieghi brevemente come nasce un'opera, sotto l’aspetto tecnico.

R. Il disegno viene prima realizzato a matita su carta, poi viene riportato con una punta di ferro su una lastra, di rame o zinco, cerata. La lastra viene immersa in una bacinella contenente acido, per un tempo stabilito. Questo è il procedimento per realizzare l’Acqua forte. Il procedimento di Acqua tinta, invece, serve a realizzare il chiaro/scuro. Ci sono inoltre Acqua tinte al sale o allo zucchero che servono ad ottenere effetti particolari (si racconta che casualmente a Picasso cadde dello zucchero su una lastra e fu così che nacque l’Acqua tinta allo zucchero! ). Ci sono altri metodi, grazie ai quali si possono ottenere particolari effetti, ma ciò rimane nella sfera segreta di ogni incisore.

D. Tuto ciò è molto interessante. A cosa si ispira quando produce un’opera? Cosa fa accendere la lampadina ad unartista nel momento della creazione?

R. La vita, in tutte le sue molteplici sfumature, è per me grande fonte d’ispirazione. E’ un libro che non finisco mai di leggere. L’emozione guida l’artista. Nel mio momento creativo, tutto può spingermi a realizzare un’opera: una parola, un volto, un episodio qualsiasi può far si che la mia lampadina si accenda.

D. E’ molto bello sentirla parlare con così tanto pathos del suo impegno artistico. Tra i quadri esposti, qua'l è iquello che più le piace e più lo rappresenta?

R. “Polvere di Tempo” è l’opera che più mi rappresenta. Essa raffigura la sintesi del Tempo, la vita, la morte, il confine tra bene e male. Tutto è legato ad un attimo, nel quale il corso del nostro destino può cambiare.

Usama Saad
www.usamaincisione.co.cc - mail: s.usama@hotmail.it




E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright