Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Rivista bimestrale - Anno VII - n.29 - Giugno-settembre 2011
NOTIZIE ed EVENTI


La "Scuola della Campanella"
a cura di Artemisia


La "Scuola delLa Campanella", dipinto del maestro Mauro Iori



L'arte si impara oppure è una dote innata, come dimostrerebbero tanti talenti antichi e moderni? Controverso quesito, al quale la Scuola della Campanella intende dare una risposta meno perentoria e più articolata di quanto comunemente non si pensi. Mauro Iori , docente di questa Scuola e artista di valore, ha deciso di esporre i lavori dei suoi allievi nella Galleria Le “Opere”, a Roma, dove da alcuni anni tiene corsi di pittura per adulti, anche per confutare la tesi che “artisti si nasce”.
Si tratta di un'esperienza interessante, a detta di Iori, consolidatasi nel tempo, che parte da un assunto, dimostrato dalla consuetudine all'insegnamento. “E' nostra convinzione – spiega Mauro Iori - che avvicinarsi all'arte attraverso il dipingere, il disegnare, sia uno dei mille modi per realizzare non soltanto elaborati “artistici”, ma prima ancora per mettersi in gioco, superando tutti quegli antichi concetti che ci facevano apparire il praticare le arti come privilegio per pochi”.
La mostra, dal titolo “ Relazioni ”, inauguratasi il 9 giugno scorso, espone i dipinti dei 14 partecipanti al corso: catherine, domitilla, ennio, giuseppe, giovanna n., giovanna p., isabelle, lilli, lucia, mary, marinella, rosa, sandra, terri, talenti diversi, com'è naturale, ma tutti ugualmente legati dall'entusiasmo di aver intrapreso un cammino d'espressività foriero di risultati inaspettati.
“Noi presuntuosamente, confortati dall'esperienza, - chiarisce Mauro Iori - crediamo che nell'affrontare insieme questi primi incerti passi, si possa trovare in pittura il personale percorso, utilizzando la passione, l'amore per il bello, il gusto del colore, l'emozione”.
Molti gli spunti felici di questa simpatica e gioiosa esposizione, priva di paludamenti formali: l'ironia di opere ispirate liberamente alla pop art degli anni '60; l'espressività naive di alcune tele dalle di tinte vivacissime, la delicatezza di forme tendenzialmente astratte, dai lontani echi fauves. In tutti i partecipanti al corso, come si diceva, la volontà di realizzare qualcosa che non sia considerata la testimonianza di quei pochi dotati del sacro fuoco dell'arte, ma che dia la possibilità di liberare dalla profondità dell'io le forze positive e, nei casi migliori, di tradurre un'originale visione della
 
realtà.
Nel giorno dell'inaugurazione molti gli ospiti presenti nella Galleria, situata in pieno centro storico della Capitale, in una bella piazzetta di fronte al Palazzo Taverna. Artisti, personalità del teatro e del cinema, storici dell'arte, amici, tutti piacevolmente sorpresi dei risultati raggiunti dai “maturi” scolari.
Sulla vetrina della Galleria, a ricevere gli invitati al coktail, un dipinto di Mauro Iori ripropone con sapiente ironia e consumata esperienza, l'affollata e smagliante scena dello studio del Maestro durante l'attività pittorica degli allievi.
L'esposizione, presso la Galleria Le “Opere” in via Monte Giordano 27, si protrarrà fino al 23 giugno 2011.


Due allievi del corso di pittura, dinanzi alle opere esposte
 

Un momento dell'inaugurazione


www.gallerialeopere.it - mail: info@gallerialeopere.it


E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright