Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno VIII - n.32 - Aprile - giugno 2012
NOTIZIE ed EVENTI


Paola Romano: Equilibri astrali
a cura di Artemisia


dittico (part): affresco polimaterico su tela. cm 100x200



Reduce dal successo ottenuto alla 53 Biennale d’Arte di Venezia, Padiglione Italia, curato da Vittorio Sgarbi, Paola Romano, pittrice, scultrice e designer, ha concluso con successo la splendida mostra dal titolo Equilibri astrali, ospitata dal 23 marzo scorso a Roma, nel Complesso Monumentale dei Dioscuri al Quirinale. Nella Personale è stato esposto un ciclo di 40 opere, tra dipinti polimaterici, affreschi, tele monocrome, sculture in bronzo e in plexiglass, in cui l’Artista esprime appieno il suo lirico mondo interiore, fatto di lune e di mondi interplanetari. E’ un amore antico, quello della Romano per gli astri, che nasce fin dall’infanzia: come un novello demiurgo, ella riproduce questo universo reale-immaginario nelle sue opere, plasmando, modellando, creando “oggetti” densi di materia, ma capaci di esprimere con leggerezza poetica una profonda aspirazione alla trascendenza e alla spiritualità. Nel suo lavoro pittura e scultura si assimilano in un continuo scambio tra bidimensionalità e terza dimensione "…sotto l'egida di un segno-scrittura che sembra affiorare sottotraccia e bucare l'immagine, come se sollevasse la pelle del quadro, o forasse la corteccia della scultura" (Gianluca Ranzi, dal Catalogo della mostra, Moretti Ed.).
Smalti, sabbie, metalli e cristalli, disposti armoniosamente su tavola, sono lì ad evocare astri pieni di mistero, siti mitologici, magiche ere geologiche in cui la vita organica sembra essere ancora in formazione, tra barlumi argentei, sfumature violacee e traslucidi iridescenze.
Nata a Monterotondo (RM) nel 1950, Paola Romano ha seguito dopo gli studi artistici e accademici una propria originale ricerca di matrice informale, dove la materia ha acquistato sempre più un ruolo essenziale ai fini di un’espressività densa di sensazioni visive e tattili. “Molte opere della Romano- recita Vittorio Sgarbi nel testo critico in catalogo- chiederebbero di essere toccate come fossero scritte in codice Braille, perché il passaggio dei polpastrelli lungo certe rugosità a intervalli variati o regolari, lungo certi improvvisi accumuli o diradamenti di materia, aggiungerebbero sensazioni emotive che completerebbero quelle avvertite dagli occhi, arricchendole notevolmente”.
Oltre alle numerose mostre in Italia, la Romano ha esposto all’estero, in particolare presso il “Cultural Center” a Hong Kong, come portavoce dell’eccellenza italiana nel mondo. Le sue lune, bianche, blu, dorate o rosse, non sono soltanto luoghi della fantasia, spazi di libertà o visioni oniriche, ma soprattutto pensieri poetici espressi con la mutevolezza estrema della materia, pensieri densi di fascino, bellezze purissime che assumono forma e concretezza grazie alla potente ispirazione dell’Artista.
 
scultura in bronzo dorato
Così commenta il lavoro di Paola Romano Nicolina Bianchi, direttore di Segni d’Arte e ideatrice della mostra: “.Tutto nella sua esperienza pittorica si evolve e il sentimento del passato è recuperato nell’infinito presente creativo, lasciato scivolare nell’estensione dei suoi impasti cromatici, nel fluire del suo tratto, nei labirinti di una sostanza poetica immersa e riemersa dal suo profondo interiore, sollecitata da quell’io avido di libertà che vive nelle sue opere, dominato dalla necessità di ripetersi e rinnovarsi senza posa, in un processo determinato da sensazioni ed intuizioni immediate”.
Artista di forte temperamento e di ricca inventiva, con perizia magistrale Paola Romano sa usare materiali diversi, quelli tipici di un’esperienza artistica che rimanda a Burri, i quali le consentono di creare superfici dense e grumose, capaci di generare incidenze diverse della luce e sapienti reazioni cromatiche, in una sensazione di perenne metaforfismo.
Curata da Nicolina Bianchi e da Marzia Spatafora della Galleria Art Time, la personale “Equilibri astrali” è stata presentata in catalogo dal prof. Claudio Strinati.


smalti, sabbie, metalli e cristalli su tavola
 

smalti, sabbie, metalli e cristalli su tavola


E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright