Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno XII - n.52 - Aprile-giugno 2017
NOTIZIE ed EVENTI
ERRFACTORY, un progetto creativo ed ecologico di recycling!
a cura della Redazione
 

ERRFACTORY è un progetto creativo-ecologico, itinerante, di recycling, ideato e sviluppato da due sorelle, Marina Turco e Alessandra Turco, che inaugura a Roma la nuova sede  il 12 aprile alle 19.00 in via Perugia 24, dopo due anni di entusiasmante attività come negozio-laboratorio di  upcycling e recicycling nel quartiere di Gracia a Barcellona. Errfactory sperimenta la nuova veste di Associazione culturale con il proposito di promuovere e stimolare la cultura del riciclo e della trasformazione di oggetti, mobili e tessuti nel quartiere romano del Pigneto e nella Città. Il progetto prevede la creazione di brevi workshop con il fine del reimpiego di materiali di scarto per crearne altri di uso quotidiano a carattere artistico e di seminari dedicati al valore terapeutico della creatività e alla programmazione di eventi volti alla valorizzazione e alla esposizione di manufatti di vario genere o di produzione propria. Errfactory, inoltre, intende attivare un circuito di scambio e raccolta di oggetti e tessuti di seconda mano da reperire in tutto il circondario, operando come un presidio attivo per la cura dell'ambiente e per lo sviluppo dell'immaginazione.
ErrFactory nasce a Barcellona nel 2013, dove ha svolto la sua attività e trova la sua seconda vita a Roma, con l' intento di sperimentare una nuova strada  in cui il talento e il lavoro possano contribuire a uno stile di vita più responsabile ed ecologico attraverso il gioco della creazione e dell'invenzione. Consapevoli della gran quantità dei residui urbani che generiamo giorno per giorno, ci proponiamo di utilizzarne una parte che altrimenti finirebbe per ingrossare i cumuli municipali, come materiale di base per proporre nuovi oggetti. Dunque ErrFactory è principalmente una fabbrica di idee, un gruppo di persone unite dal desiderio di generare un fare cosciente ed ecologico cercando valore dove nessuno lo vede.





manifesto di ErrFactory




Più che dall'idea di creare  oggetti d’arte,  ErrFactory sorge da un'iniziativa di sopravvivenza etica, da un' esigenza privata di interrelazione con la storia segreta degli oggetti, con la materia e con noi stessi. Recuperando le cose, infatti,  si possono scrivere nuove storie ricollocandole in un circuito ecologico di continue resurrezioni e mutazioni.
Il culto dell “errore” nasce dalla convinzione che a volte l'errare è solo il preludio di un cambio, di una mutazione di tendenza e di significato e non il principio della fine. L'errore aiuta il progresso, è progresso e conoscenza. L'errore e' libertà. La vita di un oggetto può a volte essere minata da un errore, cosi' come una parte dismessa della nostra personalità, rimossa, negata, rifiutata; un oggetto può essere gettato anche continuando ad avere implicitamente un'utilità, mentre con un creativo riciclo esso può mutare di uso e di forma, allineanandosi in tal modo a una variabile imprevista del suo destino. L'errore nella fabbricazione di un oggetto ha la forza di suggerire nuove idee per una sua riutilizzazione e puo' essere determinante per acquisire una nuova identita', anche di pregio artistico.
L'associazione degli elementi nella filosofia di ErrFactory e la novità di destinazione sono determinati dalla casualità: non c'è mai un progetto preesistente, piuttosto le ricreazioni nascono nel rispetto delle dinamiche spontanee d’ incontro fra cose o parti di cose.
Ogni prodotto o invenzione si fonda e si trasforma nell'impiego di materiali riciclati disponibili al momento: il tempo e la successione degli incontri giocano pertanto un ruolo estetico/poetico importante!
Riciclare interessa a ErrFactory nel senso mistico del termine, ossia nella volontà di infondere nuova vita alle cose dismesse e, nella sua accezione piu' filosofica, riciclare significa abilita' nel rinnovare l'idea che si ha del contesto e rispetto dell'oggetto e del suo intrinseco valore sociale.




Inaugurazione : Opening Party di ErrFactory a Roma

Riciclo creativo (grafica: Alessandra Turco)

Note sulle fondatrici di ErrFactory

Marina Turco, laureata in Lettere, recyicling artist, giornalista pubblicista, con varie esperienze di lavoro in case di produzione e distribuzione cinematografiche, case editrici e management musicali

Alessandra Turco, architetto e artista grafico, creativa nel settore della decorazione e della pittura di arazzi, tessuti e complementi di arredo

Collaboratrice e socia di ErrFactory
Maria Rosaria De Cristofaro, laureata ISEF, creativa nel campo della manifattura dei tessuti

Contatti
e-mail: bloomar@hotmail.it



E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright