Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Rivista bimestrale - Anno VI - n.26 - Novembre-dicembre 2010
GALLERIE IN RETE 
PROPOSTE DI ARTE CONTEMPORANEA

Andro Semeiko: "A Glorious Journey"
di Carmelita Brunetti



La Galleria Atlantica, diretta da Paolo Rigon, ha aperto le porte al giovane artista russo Andro Semeiko (Georgia, 1975) e ne celebra la prima presenza in Italia ad Altavilla vicentina, con la personale “A Glorious Journey”, inaugurata il 5 novembre e aperta al pubblico fino al 31 gennaio 2011, corredata da un prezioso catalogo curato dal critico d'arte Alberto Mugnaini.
L'allestimento provoca un impatto visivo di grande raffinatezza: gli affascinanti soggetti rappresentati sulla tela incantano il visitatore per l'uso dei colori dalle tinte delicate, dalle pose e dalla gestualità dei cavalieri dal sapore teatrale. Non mancano i riferimenti alla storia dell'arte in nessuna tappa della mostra, come nell'installazione d'ispirazione piranesiana, davanti alla quale il pubblico si è sentito particolarmente coinvolto.
Andro Semeiko, di formazione londinese, riconduce nei paesaggi dipinti su tela alla sua realtà poetica e ne esalta i particolari senza trasformare eccessivamente in sogno ciò che egli coglie dalla vita o dall'ispirazione letteraria. In questa recente produzione, dedicata alla famosa opera “Romeo e Giulietta” di Shakespeare, il pittore si esprime con un linguaggio figurativo inusuale, inserendo nella scena i due personaggi di Romeo e Giulietta corazzati da un'armatura d'ispirazione dechirichiana. Il paesaggio è caratterizzato dalla bellezza del mare con infiniti orizzonti segnati da dense colate di colore che non definiscono il dettaglio della forma, ma grazie al potere dell'immaginazione lasciano libertà al sogno. In questi paesaggi Semeiko trasferisce sulla tela tutte le vibrazioni cromatiche del mare e delle fronde, con contrasti luce/ombra di limpidezza incredibile che emergono prepotenti e delicati insiemi, grazie ad un tocco sicuro e pulito. In tutti i suoi lavori c'è dunque una prospettiva di luci, ombre e colori che dona profondità e modella lo spazio dell'opera. I paesaggi si estendono oltre i limiti fisici della tela, fino ad avvolgere l'osservatore, che è spinto a riflettere e a perdersi romanticamente nei propri ricordi.
 


A. Semeiko: Romeo's holy prize



Cospiracy, olio su tela
Le opere dell' artista russo rivelano una singolare interpretazione della natura, in cui la scelta dell'uomo vestito di corazza può essere letta come una chiusura verso la realtà e nella sua metafisica interpretazione l'uomo convoglia tutte le speranze nelle attese. Come sospesi nell'aria, galleggiamo sulle nuvole della memoria per non perderci e continuare il nostro viaggio nell'isola che non c'è!


Andro Semeiko. " A glorious Journey"", Galleria Atlantica, Altavilla vicentina
05 novembre 2010 – 31 gennaio 2011



Carmelita Brunetti, specializzata in Psicologia dell'arte, docente all'Accademia di Belle Arti FABA di Cosenza
e-mail:
carmelita.arte@libero.it



E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright