Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno XI - n.49 - Luglio-settembre 2016
ARTinFORMA
RESTAURI E...DINTORNI

Nuova linfa per il contemporaneo di Capodimonte!
Un allestimento d'eccezione.
a cura della Redazione


Vesuvius ,1985, Andy Warhol



Senza titolo, 1989, Jannis Kounellis




Capodimonte è l’unico Museo di arte antica in Italia che vanta una sezione di Contemporaneo. La collezione si è costituita attraverso l’attività espositiva di artisti di fama internazionale che si sono confrontati, tranne in rare eccezioni, con gli spazi e le opere di Capodimonte. La formazione della raccolta è nata e si è sviluppata sul concetto antitetico a quello della cesura col passato in un dialogo costante e fruttuoso degli artisti che, lasciandosi suggestionare dal luogo e dalla città di Napoli, hanno realizzato lavori legati concettualmente al sito in cui erano esposti. Da Alberto Burri a Mario Merz; da Daniel Buren a Carlo Alfano; da Sol LeWitt a Joseph Kosuth a Andy Warhol. E ancora Pistoletto, Fabro, Kounellis, tanto per citarne alcuni. Tutto ciò è stato possibile anche grazie al coinvolgimento di collezionisti e galleristi nonché amanti e promotori dell’arte, quali Lucio Amelio e l’indimenticabile Graziella Lonardi Buontempo.

Grande Cretto Nero, 1978, Alberto Burri



Mare nostrum, 2006, Anselm Kiefer



Dal 14 luglio, grazie alla volontà del direttore Sylvain Bellenger, consapevole dell’unicità e importanza della sezione all’interno di quella che è la seconda Pinacoteca d’Italia, la collezione del contemporaneo sarà visibile dalle 8.30 alle 19.30: “Con questa operazione – ha dichiarato il direttore Bellenger - il Museo prosegue nella sua opera che mette al centro della sua politica il pubblico e la didattica. Ritengo la sezione del contemporaneo una parte strutturale e fondamentale del museo, in dialogo con le altre opere presenti e il parco. Presto ci saranno altre importanti novità che intendono dare di Capodimonte un’immagine globale del museo e del parco, nonché della storia dell’arte, in un costante e proficuo rapporto che va al di là delle epoche e dei contesti così come è, e deve essere, lo stesso concetto di Arte”.
Inoltre sarà possibile accedere alla sezione utilizzando la nuova artecard che consente di vedere l’arte contemporanea da Napoli a Caserta (maggiori info su www.campaniartecard.it). Per l’occasione arriverà, in prestito temporaneo al Museo, un’opera degli anni ’60 di Cy Twombly che andrà ad arricchire la collezione permanente i cui ambienti sono stati dedicati a Graziella Lonardi Buontempo, ora rammentata con una foto di Massimo Piersanti del 1970 e una sua frase significativa: “I giovani artisti hanno bisogno di vedere il mondo perché soltanto nella battaglia, nel confronto, nel superarsi, viene fuori il meglio di noi stessi”.


Pietre dell'intelligenza, 1996, Enzo Cucchi



Vasca, 1984, Mimmo Paladino




La sera del 14 luglio si sono svolti i festeggiamenti per la riapertura, in collaborazione con l’Associazione Incontri Internazioni d’Arte, durante i quali si è assistito a un concerto del rinomato Conservatorio di San Pietro a Maiella, ormai partner del museo in molteplici occasioni.
Infine occorre anche rammentare che, in vista del nuovo orario, è stato realizzato un restyling di tutti gli ambienti che ospitano il Contemporaneo, nonché si è proceduto con interventi di manutenzione straordinaria su una serie di opere, ovvero il "Grande Cretto Nero" di Alberto Burri, 1978, "In ascolto" (Stanza dello Spettatore) 2005, di Giulio Paolini e "Terra della Pace", 1990-1991, di Luigi Mainolfi. E ancora "Onda d'urto", 1987 di Mario Merz, "Indizi-opera in situ", 1987-1997 di Daniele Buren, e lo spazio "White bands in a black room", ideato e realizzato a Capodimonte nel 2002 da Sol Levitt.
Gli interventi, diretti da Marina Santucci, sono stati eseguiti dai restauratori interni al museo: Simonetta Funel, Giuseppe Silvestro, Alessandra Golia, Antonio Tosini, Antonio De Riggi, e dai restauratori esterni Stefania Martirano e Gabriella Russo.(cs)


E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright