Autorizzazione Tribunale di Roma n. 378 del 30/09/2005
 
Work in progress - Anno XV - n.65 - Luglio - settembre 2020
RITRATTI  

CARA ROMA ti scrivo…
di Bruna Condoleo




IL PANTHEON (foto FABIO MARCARI©)


CARA ROMA, ti scrivo per dirti che nel momento di spaventosa pandemia in cui ci troviamo la tua bellezza solitaria, priva della gente, sospesa nel tempo e nello spazio, abbaglia e stordisce! Nessuno finora aveva mai potuto vederti immersa in questo vuoto spettrale, angoscioso certamente, ma che fa ancor di più apprezzare la magnificenza dei tuoi monumenti, le prospettive scenografiche delle tue vie, l'ariosa ampiezza delle tue piazze. Nel silenzio surreale che ti avvolge tutto, ogni edificio, ponte, fontana, chiesa, tempio, ci racconta con un muto colloquio la tua incomparabile storia millenaria.

 



LA FONTANA rinascimentale di Piazza della Rotonda



PIAZZA DEL POPOLO con l'obelisco e le chiese gemelle



L'equilibrio armonioso del Pantheon ci parla dell’amore di un grande imperatore, Adriano, per il mondo greco di cui siamo figli; la bellezza della Barcaccia, dispiegata ai piedi della più estrosa Scalinata che esista, narra le vicende della creazione di una Piazza che lungo quasi tre secoli di storia d'arte e di cultura ha saputo conquistare una perfetta armonia architettonica e scultorea e una straordinaria unicità. Le tue immense piazze, più che mai spettacolari per il vuoto che ora le abita, si offrono ai pochissimi occhi di chi può fotografarle come fossero piombate in un inatteso e misterioso incantamento.



FONTANA DI TREVI



Scenario teatrale superbo è Piazza del Popolo che la genialità dell'architetto Giuseppe Valadier ha saputo rimodellare rendendola un luogo magnifico: la sua vastità, le seicentesche chiese gemelle che fanno da fondale, le vie del Tridente che ne amplificano l'effetto prospettico e l'obelisco egizio che svetta al suo centro, testimonianza di memorabili conquiste imperiali, ci procurano emozioni che oggi appaiono inedite. Le mille statue che decorano ponti, fontane, luoghi di culto, palpitano di una vita propria e segreta che, grazie alla genialità di Maestri insuperati dell'arte, ci restituisce il dinamismo dei gesti e la forza delle sensazioni di un'umanità che sembra scomparsa. I possenti colonnati delle tue chiese rimandano al sentimento di una religiosità tanto più efficace perché priva di orpelli e di fasti rituali, capace di instaurare con la divinità un colloquio intimo e profondo, suggerendo un respiro d'infinito.



PIAZZA DEL POPOLO dal PINCIO


Anche la Roma non sempre esaltata, quella dei monumenti ritenuti meno apprezzabili, si rivela dotata di nuova vitalità e forse di una incompresa bellezza, circondata com'è dal silenzio delle folle e dei rumori della modernità, silenzio rotto dal canto degli uccelli, dal suono delle acque delle fontane e dal fruscio del vento. I delicati colori delle tue case, caratterizzate dal "rosa di Roma" e dalle diverse tonalità dell'ocra, toni quasi sussurrati, s'illuminano sotto un chiaro cielo primaverile, ignari del dolore e della paura che aleggia all'interno delle proprie mura. In un tempo sospeso che appare come "the day after", la suggestiva grandiosità che credevamo di conoscere da sempre, ora stupisce e affascina come fosse mai veduta, facendo ritenere gli esseri umani superflui e inutili.


LA CHIESA e la SCALINATA DI TRINITA' DEI MONTi con LA BARCACCIA BERNINIANA: effetto notte
N


PIAZZA DI SPAGNA al tramonto



Eppure siamo noi, proprio noi uomini, distruttori del pianeta, spesso insensibili o indifferenti, ad aver creato tanta straordinaria Bellezza! Consci di essere in gran parte colpevoli di una tragedia annunciata, ma nel contempo sicuri che i tempi durissimi che stiamo patendo avranno un termine, ci sembra lecito cedere alla commozione dinanzi a visioni ineguagliabili, in attesa di poterci riappropriare con maggiore consapevolezza di quel paradiso in terra che sei proprio tu, Roma, CAPUT MUNDI!


PIAZZA NAVONA


CASTEL SANT'ANGELO E PONTE ELIO



VIA DEL CORSO con IL VITTORIANO in prospettiva



VIA DEI CONDOTTI con TRINITà DEI MONTI in prospettiva



PIAZZA DI SPAGNA e le sue case colorate al tramonto



Tutto il servizio fotografico è firmato FABIO MARCARI © Copyright



Bruna Condoleo, storica dell'arte, curatrice di mostre e di cataloghi d'arte




E' vietata la riproduzione anche parziale dell'articolo e delle immagini © Copyright